logo

 


 

No current events.

Incontro con i comunisti giapponesi: pace, neutralità e sovranità PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 12 Marzo 2015 17:33

Nonostante la campagna elettorale in corso, il Partito Comunista non si scorda il suo lavoro a favore della cooperazione multi-laterale e l’amicizia fra i popoli, coerente con la propria analisi secondo cui la Svizzera può ritrovare un proprio ruolo nel nuovo assetto geopolitico in corso di definizione se manterrà la propria neutralità e se riuscirà a emanciparsi dall’Unione Europea, aprendosi invece a relazioni più ampie con l’Asia. Negli scorsi giorni Giulio Micheli (che sarà pure candidato al Granconsiglio in aprile) era a Tokyo per un incontro con il Dipartimento Esteri del Comitato Centrale del Partito Comunista Giapponese (JCP), uno dei partiti comunisti non al governo fra i più grandi al mondo: una forza politica che raccoglie circa il 11% dei consensi elettorali sul piano nazionale con ampie diramazioni nella società civile e quasi mezzo milione di militanti.

Leggi tutto...
 
Un governo succube all'UE che favorisce il dumping salariale PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 01 Marzo 2015 19:33

La decisione del Dipartimento federale dell'economia (DEFR) di sospendere il rafforzamento delle misure d'accompagnamento alla libera circolazione è semplicemente irresponsabile. Lo è ancora di più lo sbandamento strategico dei vertici sindacali che hanno acconsentito a questa scelta, denotando un serissimo problema di capacità contrattuale. Mai come oggi, infatti, sarebbero state necessarie misure per evitare il dumping salariale e per estendere il carattere vincolante e obbligatorio dei Contratti Collettivi di Lavoro (CCL) e frenare i diktat europeisti. Chi ieri era in piazza a Bellinzona per i diritti del lavoro - a partire dal PS - dovrebbe chiederne conto ai propri referenti nazionali che stanno esasperando una situazione sociale che sta già sfuggendo di mano.

Leggi tutto...
 
Golpe alla Banca Nazionale PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 15 Gennaio 2015 17:29

Il Partito Comunista (PC) apprende la notizia del cambio di rotta della politica della Banca Nazionale Svizzera (BNS) in merito all'ormai ex-fissazione della soglia minima di cambio fra il franco e l'euro. Il PC si è da sempre opposto all'Introduzione di tale vincolo (al contrario del Partito Socialista e dell'Unione Sindacale, i quali, addirittura, auspicavano un cambio a 1,4), e questo perché esso da un lato ha sancito un'adesione de facto della Svizzera all'euro, minando l'indipendenza monetaria della BNS, e dall'altro ha creato i presupposti per grosse perdite finanziarie dovute all'acquisto forzato di divise europee per il mantenimento della soglia minima. Se ciò non è avvenuto è probabilmente da ricondurre al ruolo giocato dalla Cina che ha deciso di investire nell'acquisto di titoli in euro, facendo indirettamente alleviare la pressione sul franco.

Leggi tutto...
 
Il Festival del film di Locarno chiude le porte ai russi, ma le spalanca ai sionisti! PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 12 Febbraio 2015 00:48

Dopo aver rifiutato - quasi fossimo ancora in piena guerra fredda - l’offerta della Russia di una vera cooperazione con il Gosfilmofond, cioè la più grande cineteca del mondo, il Festival del film di Locarno comunica che l’edizione 2015, la 68esima dell’importante evento culturale locarnese, sarà caratterizzata da un partenariato con l’Israel Film Fund, emanazione del governo di Tel Aviv.

Leggi tutto...
 



Created by P-Live. Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi